La Giordania è un piccolo Paese che fa parte del Vicino Oriente. E’ famosa per la città di Petra, scoperta da un archeologo svizzero durante i primi anni dell’Ottocento, per i resti archeologici secolari, per la particolarità del suo deserto che ancora oggi ospita  beduini nomadi che ogni giorno lo attraversano, e inoltre per l’inconfondibile Mar Morto: il  lago salato dove l’acqua brucia gli occhi, ma in cui il relax di galleggiare sentendosi sospesi tra le onde è una sensazione unica e imperdibile.

La Giordania ha una lunga tradizione di ospitalità, sin dai tempi in cui le carovane di cammelli percorrevano la leggendaria Strada dei Re trasportando incenso in cambio di spezie. E’ proprio per questo che è diventato uno dei Paesi più ricchi del Vicino Oriente. Mercanti nabatei, legionari romani, armate musulmane e agguerriti crociati: hanno tutti raggiunto questa terra, lasciando dietro di sé monumenti spettacolari, tra cui teatri romani, castelli crociati e mosaici cristiani tutt’oggi ancora intatti e pronti per essere ammirati.

Terra biblica e religiosa attraversata dal popolo ebraico, dove ancora oggi il pellegrino sperimenta, come il Profeta Elia, la presenza di Dio “nel silenzio della brezza del deserto”, nel passaggio attraverso i suoi ampi deserti. Può salire al Monte Nebo, dove morì Mosè,  luogo di culto unico da dove si può godere anche di un’ottima vista sulla Terra Promessa. Percorrere le strette gole di Petra, la città nabatea Patrimonio dell’Umanità, uno dei luoghi più sorprendenti del mondo, con i suoi santuari scavati nella roccia; scendere a Betania sul fiume Giordano, luogo dove Gesù fu battezzato da S. Giovanni Battista.